ZONE-ART
Heusy (Verviers) – Belgium

Covid-19 emergency has blocked everything, consequently leading us to reason on the aftermath and on what we should necessarily modify to restart post-quarantine life.
I often think of the concept of isolation in which we find ourselves, so present in many famous biographies from the Outsider world (I think of Edmund Monsiel’s voluntary distancing from the world outside or the forced segregation in psychiatric hospitals of many “famous” brut authors).
Museums and galleries have been forced to reinvent themselves as intangible virtual spaces but at the same time solidly present on our screens.

The problem, however, arises above all in the numerous workshops, present in large quantities and often becoming the only instrument of “salvation” for many people with mental disabilities. Unfortunately, this sector is often overshadowed by the authorities of many countries, forcing atelier to stop and not be able to offer daily assistance.
This is the case of Zone-Art, a Belgian Atelier placed in Heusy (Verviers) that has temporarily had to suspend its activities, but which – in normal times – is a workshop in which creative freedom is the main protagonist.
The Flickr page of the Atelier is full of wonderful works where colors and different shapes highlight the creative skills of each artist.
I then discovered that in this place not only “visible” art is produced, but also music is made: among the participants there is in fact a Garage Rock band…
Hoping that the participants of the workshops will be able to return to release their creative energy soon, I bring you here the interview with Patrick Perin, one of the animators of the Belgian center.

L’emergenza Covid-19 ha bloccato tutto, portandoci conseguentemente a ragionare sul dopo e su cosa dovremmo per forza modificare per riprendere la vita post-quarantena.
Spesso penso al concetto di isolamento in cui ci troviamo, così presente in molte famose biografie dal mondo Outsider (si pensi al volontario allontanamento dal mondo di Edmund Monsiel o alla forzata segregazione negli ospedali psichiatrici di molti “famosi” autori brut).
I musei e le gallerie sono stati costretti a reinventarsi come spazi virtuali, intangibili, ma al contempo solidamente presenti nei nostri schermi.

Il problema, però, si pone soprattutto sui numerosi Atelier, presenti in grande quantità e divenuti spesso unico strumento di “salvezza” per molte persone con disabilità mentali. Purtroppo questo settore è spesso messo in secondo piano dalle autorità di molti Paesi, costringendo i laboratori a fermarsi e non poter offrire la quotidiana assistenza.
È il caso di Zone-Art, una struttura belga di Heusy (Verviers) che temporaneamente ha dovuto sospendere le sue attività, ma che – nella normalità – è un laboratorio in cui la libertà creativa fa da padrona. 
La pagina Flickr dell’Atelier pullula di opere meravigliose in cui le singole abilità creative degli artisti si integrano in un insieme di colori e forme.
Ho poi scoperto che in questo luogo non si produce solo arte “visibile”, ma si fa anche musica: tra i partecipanti c’è infatti una Band Garage Rock…
Nella speranza che presto i partecipanti dei workshop possano tornare a pieno titolo a liberare la loro energia creativa, riporto qui l’intervista fatta a Patrick Perin, uno degli animatori del centro belga.

Zone-Art, Photo © Erik Bonerfält
Zone-Art, Photo © Erik Bonerfält

G) As i read on your Facebook page, Zone-Art is a place of creation dedicated to people with mental disabilities. How and when the idea of opening this place was born? And where is it located?

P) Zone-Art is a belgian atelier located in Heusy (Verviers), about 30 km from Liège. The facility has been recognized as an independent association since 2012. Initially, the workshops were part of the service activities of apem-t21, an organization made by an association of parents of children with Down syndrome in 1977. The first seminars had a “professional” activity vocation, without real artistic goals. In 2012, thanks to the work of Pierre-Yves Schmetz, the structure was recognized as “Center of Expression and Creativity (CEC)” by the Fédération Wallonie of Bruxelles (a subsidized political power). From that moment on, the seminars have changed their status and now offer the possibility of coming to made an artistic work to anyone who wishes.
However, it is only since 2015 that the Association has been called “Zone-Art”. The initial aims have evolved and have been strengthened in supporting the creative process of people with disabilities, but also promoting their productions through their diffusion and communication. Today we want more than ever to highlight the work of our artists.

G) Come ho letto sulla vostra pagina Facebook, Zone-Art è un luogo di creazione dedicato alle persone con disabilità mentali. Come e quando è nata l’idea di aprire questo spazio e dove si trova?

P) Zone-Art è un laboratorio belga situato a Heusy (Verviers) a circa 30 km da Liegi. La struttura è stata riconosciuta come Associazione Indipendente dal 2012. Originariamente, i seminari facevano parte delle attività di servizio di apem-t21, un’organizzazione costituita da un’associazione di genitori di bambini con sindrome di Down nel 1977. I primi seminari avevano una vocazione all’attività “professionale” senza veri e propri obiettivi artistici. Nel 2012, grazie al lavoro di Pierre-Yves Schmetz, la struttura è stata riconosciuta come “Centro di Espressione e Creatività (CEC)” dalla Fédération Wallonie di Bruxelles (una potere politico sovvenzionato). Da quel momento in poi i seminari hanno cambiato status e ora offrono a chiunque lo desideri la possibilità di venire a produrre un’opera artistica. Tuttavia, è solo dal 2015 che l’Associazione è stata chiamata “Zone-Art”. Gli obiettivi iniziali si sono evoluti e sono stati rafforzati nel supporto del processo creativo delle persone con disabilità, ma anche nella promozione delle loro produzioni attraverso la loro diffusione e la comunicazione. Oggi vogliamo più che mai evidenziare l’operato dei nostri artisti.

Zone-Art, Photo © Erik Bonerfält
Zone-Art, Photo © Erik Bonerfält

G) Who are the animators of the workshops?

P) Zone-Art association is made up of 3 people who work part-time. We all have an artistic background. Numerous volunteers also come to strengthen the team for other activities or for specific projects. This approach seems fundamental to us, not only to enrich our practices, but also to open the social and artistic fields of our artists.
It is an effective choice of the association to have art professional hired to supervise these seminars. 
Véronique Malmendier, who is the coordinator of the association, is a photographer. In addition to coordination, she is also facilitator of a digital art workshop, 2 hours a week. Rémi Rotsaert is a professional musician. Thanks to a long work of evaluation of the skills of the artists in his workshop, he was able to create a rock garage band, Chevalier Surprise, which now holds concerts in “conventional” places of the cultural network. The band’s first album will be released later this year. For my part, I am both a plastic artist and an art historian, and I have been an animator in visual arts workshops in the field of mental disability for several years now.

G) Chi sono gli animatori dei workshop?

P) L’associazione Zone-Art è composta da 3 persone che lavorano part-time. Tutti abbiamo una formazione artistica. Numerosi volontari vengono anche per rafforzare il team per altre attività o per progetti specifici. Inoltre, proviamo a coinvolgere artisti esterni per progetti particolari. Questo approccio ci sembra fondamentale, non solo per arricchire le nostre pratiche, ma anche per aprire il campo sociale e artistico dei nostri artisti.
È un’effettiva scelta dell’associazione quella di avere professionisti dell’arte assunti per supervisionare questi seminari. Véronique Malmendier, che è il coordinatore dell’associazione, è una fotografa. Oltre al coordinamento, è anche facilitatrice di un seminario di arte digitale, 2 ore a settimana. Rémi Rotsaert è un musicista professionista. Grazie a un lungo lavoro di valutazione delle abilità degli artisti del suo laboratorio, è stato in grado di creare un gruppo rock garage, Chevalier Surprise, che ora tiene concerti in luoghi “convenzionali” della rete culturale. Il primo album del gruppo uscirà entro la fine dell’anno. Da parte mia, sono sia un artista plastico che uno storico dell’arte, e sono stato un animatore in seminari di arti visive nel settore della disabilità mentale da diversi anni ormai.

Chevalier Surprise, Elle m’a quitté

G) Who are the workshop participants and how do they get to you?

P) Most of the participants in our workshops come to us through the apem-t21 services which remains our privileged historical partner. Our spaces also belong to them and are made available by agreement. Other than that, we work with other institutions in the region that don’t have seminars like ours. Some also come individually. Anyone who wishes to register with us is welcome. There is not an initial selection. However, we establish a trial period that aims primarily to find out if the person fits well with the group and our functioning. We therefore give preference to participants who seem to have ability or at least interest in our activities. However, well-being is also taken into account in our choices. This is very important to report because it means that our participants do not necessarily have any background or artistic practice when they arrive in our atelier. It is therefore up to us to try to identify and thus improve everyone’s skills. Of course, this doesn’t always work (sometimes because we are the ones who can’t find the right method) or because some come just for fun or because they feel good in that place. Not only is this not a problem for us, but sometimes it can hold some nice surprises for us when someone undertakes a new technique or reveals a skill which we had not previously identified.

G) Chi sono i partecipanti ai laboratori e come arrivano a voi?

P) La maggior parte dei partecipanti ai nostri seminari viene da noi tramite i servizi di apem-t21 che rimane il nostro partner storico privilegiato. I nostri locali appartengono a loro, inoltre, e sono resi disponibili previo accordo. A parte questo, lavoriamo con altre istituzioni nella regione che non hanno seminari come il nostro. Alcuni vengono anche singolarmente. Chiunque desideri registrarsi con noi è il benvenuto. Non esiste quindi una selezione a priori. Tuttavia, stabiliamo un periodo di prova che mira soprattutto a scoprire se la persona si adatta bene al gruppo e al nostro funzionamento. Diamo quindi la preferenza ai partecipanti che ci sembrano avere capacità o almeno interesse per le nostre attività. Tuttavia, il benessere viene preso in considerazione anche nelle nostre scelte. Questo è molto importante da segnalare perché significa che i nostri partecipanti non hanno necessariamente alcun background o pratica artistica quando arrivano al nostro atelier. Spetta quindi a noi cercare di identificare e quindi migliorare le competenze di ciascuno. Naturalmente, ciò non sempre funziona (a volte perché siamo noi quelli che non riescono a trovare il metodo giusto) o perché alcuni vengono solo per divertimento o perché si sentono bene in quel luogo. Non solo questo non è un problema per noi, ma a volte può riservare delle belle sorprese in serbo per noi quando qualcuno intraprende una nuova tecnica o rivela abilità che in precedenza non avevamo identificato.

Zone-Art, Photo © Erik Bonerfält
Zone-Art, Photo © Erik Bonerfält

G) In your Flickr page, we can see comics, decorated t-shirts, modified photographs, drawings, etc. Are they the result of collective activities or exclusive authors’ choices?

P) Inside the visual arts laboratory, my goal is to allow each person to develop their own artistic work. I am not very attached to collective work because I think it is important that everyone can express themselves with their own means, their own themes or their favorite technique. Furthermore, each artist has his own work rhythm which must be respected. At Zone-Art, there are few people who come with technical knowledge or even with artistic creation experiences. The work therefore almost always begins with trial and error in a permanent exchange. I do my best to start with everyone’s tastes and affinities and then offer them different techniques, different tools or supports until we find together what seems most suitable at a given moment. From there, we try to build long-term work together, always trying to improve it. Nothing is ever definitively resolved, especially because I never know how my ideas or proposals will be interpreted by the artist, and it’s fantastic! This is often surprising and one of the great benefits of this type of work. The mental deficiency of the person becomes his creative force instead of being a handicap!
Many artists use the reference images found in books or on the Internet to do their work. It is interesting the great freedom of interpretation that allows you to forget the original photo in order to keep only the final work. Others don’t even need these ideas to create. You have to deal with work differently. There is no single method but a constant search to reinvent yourself by observing what is happening and learning to work better together.
As for the music laboratory and more specifically the Chevalier Surprise band, the operation is quite similar. We had to find a way to reconcile and improve the wishes and abilities of all members to define an identity for the group, allowing everyone to express themselves in their own way.

G) Nella pagina Flickr dell’Atelier, si vedono fumetti, magliette decorate, fotografie modificate, disegni, ecc. Sono il risultato di attività collettive o esclusive scelte degli autori?

P) All’interno del laboratorio di arti visive, il mio obiettivo è quello di consentire a ogni persona di sviluppare il proprio lavoro artistico. Non sono molto legato al lavoro collettivo perché penso che sia importante che ognuno possa esprimersi con i propri mezzi, i propri temi o la propria tecnica preferita. Inoltre, ogni artista ha il suo ritmo di lavoro che deve essere rispettato. A Zone-Art, ci sono poche persone che arrivano con conoscenze tecniche o addirittura con esperienze di creazione artistica. Il lavoro quindi inizia quasi sempre con tentativi ed errori in uno scambio permanente. Faccio del mio meglio per iniziare dai gusti e dalle affinità di tutti e quindi offrirgli diverse tecniche, strumenti diversi o supporti fino a trovare insieme ciò che sembra più adatto in un determinato momento. Da lì, proviamo a costruire insieme un lavoro a lungo termine, cercando sempre di migliorarlo. Nulla è mai definitivamente risolto, soprattutto perché non so mai come le mie idee o le mie proposte saranno interpretate dall’artista, ed è fantastico! Questo è spesso sorprendente ed è uno dei grandi benefici di questo tipo di lavoro. La carenza mentale della persona diventa la sua forza creativa invece di essere un handicap!
Molti artisti usano le immagini di riferimento presenti nei libri o su Internet per realizzare il proprio lavoro. Interessante è la grande libertà di interpretazione che consente di dimenticare la foto originale in modo da conservare solo il lavoro finale. Altri non hanno bisogno nemmeno di questi spunti per creare. Devi affrontare il lavoro in modo diverso. Non esiste un solo metodo ma una costante ricerca per reinventarsi osservando ciò che sta accadendo e imparando a lavorare meglio insieme.
Per quanto riguarda il laboratorio musicale e più in particolare il gruppo Chevalier Surprise, l’operazione è abbastanza simile. Abbiamo dovuto trovare un modo per riconciliare e migliorare i desideri e le capacità di tutti i membri per definire un’identità per il gruppo, consentendo a tutti di esprimersi a modo loro.

Zone-Art, Photo © Erik Bonerfält
Zone-Art, Photo © Erik Bonerfält

G) I guess the Covid-19 emergency is causing a lot of trouble for your business. How to you handle the situation and do you already have plans for the future?

P) For the moment, our workshops are simply stopped. We don’t know how we will be able to resume our activities safely for everyone. The situation is extremely frustrating, not only because we want to get together with our artists, but also because we know that our workshops are really important for some of them.
In addition, this period is likely to weaken us financially, a recurring problem in many small structures like ours. As in many countries, our sector does not seem to be a priority in thinking about what to do now and after Covid.
Despite everything, we try to continue to enhance the work of our artists as much as possible while we wait to meet again.

G) Immagino che l’emergenza Covid-19 stia causando molti problemi alle tue attività. Come gestite la situazione e avete già dei piani per il futuro?

P) Per il momento, i nostri seminari sono semplicemente fermati. Non sappiamo come saremo in grado di riprendere le nostre attività in sicurezza per tutti. La situazione è estremamente frustrante, non solo perché vogliamo riunirci con i nostri artisti, ma anche perché sappiamo che i nostri seminari sono davvero importanti per alcuni.
Oltre a ciò, questo periodo rischia di indebolirci finanziariamente, problema ricorrente in molte piccole strutture come la nostra. Come in molti paesi, il nostro settore non sembra essere una priorità nel pensiero su cosa fare ora e dopo il Covid.
Nonostante tutto, cerchiamo di continuare a valorizzare il lavoro dei nostri artisti il più possibile mentre aspettiamo di poterci incontrare di nuovo.

Zone-Art, Photo © Erik Bonerfält
Zone-Art, Photo © Erik Bonerfält

G) Are the works on sale? Do you rely on galleries and other institutions?

P) Yes, the works are obviously available for sale. Our association has few means and every sale is welcome because it allows us to reinvest the money in equipment or to finance our projects. In addition, and above all, the sale is part of the promotion and recognition of the work of our artists.
But before you get to sales, you need to make sure you have quality jobs to offer them both on display and for purchase. For my part, I have been in charge of the part-time seminar for 4 years, with groups changing every day. First of all it was necessary to dedicate time to each artist to find the right path and then develop it at best respecting the rhythm of each. We will therefore understand that if the sale is important, it is not our first priority.
We are well aware that for several years now, outsider art has become a market with its collectors, its “stellar” artists and top spots such as the Outsider Art Fair in Paris or New York, for example. So we know that it is necessary to enter networks to promote our artists. Of course we need galleries or museums for this. However, we are also responsible for the “protection” of the people who attend our seminars and their work. Therefore, we are careful to direct ourselves towards partners who defend our own values. For example, we are in contact with the Trinkhall museum in Liège or the Art & marges museum in Brussels, which aim to highlight the artists through their collections.
Having said that, as I said before, the dissemination work is only in its early stages and we are multiplying the steps that go in this direction.
Finally, I would add that, in my opinion, there is another way of showing the works. It is more intended for the environment close to the artist. Indeed, it is not always easy to bring artists to their exhibitions either because it is too far away or too expensive, or because the person has difficulty moving. However, the importance that an exhibition can have in the eyes of the artist must not be overlooked. Sometimes it is also an opportunity, especially for families, to see the skills of the person with disabilities. These exhibits are also a carrier of social ties and sometimes allow you to change the way you look at these artists. So we think it is important to organize local exhibitions for all these reasons.

G) Le opere sono in vendita? Vi affidate a gallerie ed altre istituzioni?

P) Sì, le opere sono ovviamente disponibili per la vendita. La nostra associazione ha pochi mezzi e ogni vendita è benvenuta perché ci consente di reinvestire i soldi in attrezzature o di finanziare i nostri progetti. Inoltre, e soprattutto, la vendita fa parte della promozione e del riconoscimento del lavoro dei nostri artisti.
Ma prima di arrivare alle vendite, bisogna assicurarsi di avere lavori di qualità per offrirli tanto in mostra quanto per l’acquisto. Da parte mia, sono stato responsabile del seminario part-time per 4 anni, con gruppi che cambiano ogni giorno. È stato innanzitutto necessario dedicare del tempo a ciascun artista per trovare il giusto percorso per poi svilupparlo al meglio rispettando il ritmo di ciascuno. Capiamo quindi che se la vendita è importante, non è la nostra prima priorità.
Sappiamo bene che da diversi anni ormai, l’outsider art è diventata un mercato con i suoi collezionisti, i suoi artisti “stellari” e luoghi di diffusione di punta come l’Outsider Art Fair di Parigi o New York, ad esempio. Quindi sappiamo che è necessario entrare in reti per promuovere i nostri artisti. Naturalmente abbiamo bisogno di gallerie o musei per questo. Tuttavia, siamo anche responsabili della “protezione” delle persone che frequentano i nostri seminari e il loro lavoro. Pertanto, stiamo attenti a indirizzarci verso partner che difendono gli stessi nostri valori. Ad esempio, siamo in contatto con il Trinkhall museum di Liegi o il museo Art & marges di Bruxelles, che mirano a mettere in risalto gli artisti attraverso le loro collezioni.
Detto questo, come ho detto prima, il lavoro di divulgazione è solo nelle sue fasi iniziali e stiamo moltiplicando i passi che vanno in questa direzione.
Infine, aggiungerei che, secondo me, esiste un altro modo di mostrare le opere. È più inteso per l’ambiente vicino all’artista. In effetti, non è sempre facile portare gli artisti alle loro mostre o perché è troppo lontano o troppo costoso, o perché la persona ha difficoltà a muoversi. Tuttavia, l’importanza che una mostra può avere agli occhi dell’artista non deve essere trascurata. A volte è anche un’opportunità, soprattutto per le famiglie, per vedere le abilità della persona con disabilità. Queste mostre sono anche un vettore di legami sociali e talvolta ti permettono di cambiare il modo in cui guardi questi artisti. Quindi pensiamo che sia importante organizzare mostre locali per tutti questi motivi.

Zone-Art, Photo © Erik Bonerfält
Zone-Art, Photo © Erik Bonerfält

G) Do you want to tell me about a particular project from your workshop?

P) I would like to recall the work of Cédric de Tender, not only for his qualities, but also because he is rather atypical. Cédric came to our seminars in 2017 with a work already in progress. He had started a series of comics and was mainly looking for advice and support in his creative efforts and a possible publication of his work.
Cédric de Tender is autistic and, thanks to this, he has extraordinary intellectual faculties, especially in terms of memory. Cédric read many popular comics which he brought together in a sort of collection to create his stories and characters. All his plates are written in advance and he also does a lot of research on the attitudes of his characters in the notebooks. Each page is preceded by a draft before focusing, inking and coloring. He also uses his literary and cinematic background to build his scenarios. In addition, his mastery of the layout is truly exceptional and shows a great sense of observation. He is quite capable of punctuating space by changing plans and points of view, while, on the contrary, his story has an extremely slow division of time.
The work of this artist is quite remarkable, in particular because such a constructed process is rare in the world of outsider art. Furthermore, comics are relatively poorly represented in the art sector.
In the end, Cédric de Tender creates a very personal and rich universe, both graphically and in the stories’ form.

The following images are the result of a selection by myself. It was a difficult choice, dictated by love at first sight and “This too… this no, I already have too many .. instead yes“.
Selecting is always a difficult thing, but it is a forced choice. It defines a reasoning, a taste, a way. This is my “reading” of Zone-Art, but I invite you to do yours too by going directly to their Flickr page.

G) Vuoi parlarmi di un progetto particolare dal vostro laboratorio?

P) Vorrei ricordare il lavoro di Cédric de Tender, non solo per le sue qualità, ma anche perché è piuttosto atipico. Cédric è venuto ai nostri seminari nel 2017 con lavori già in corso d’opera. Aveva iniziato una serie di fumetti e cercava principalmente consulenza e supporto nei suoi sforzi creativi e una possibile pubblicazione del suo lavoro.
Cédric de Tender è autistico e, grazie a ciò, ha straordinarie facoltà intellettuali, soprattutto in termini di memoria. Cédric ha letto molti fumetti popolari che ha riunito in una sorta di raccolta per creare le sue storie e i suoi personaggi. Tutte le sue tavole sono scritte in anticipo e fa anche molte ricerche sugli atteggiamenti dei suoi personaggi nei quaderni. Ogni pagina è preceduta da una bozza prima della messa a fuoco, dell’inchiostrazione e della colorazione. Usa anche il suo background letterario e cinematografico per costruire i suoi scenari. Inoltre, la sua padronanza del layout è davvero eccezionale e mostra un grande senso di osservazione. È abbastanza capace di punteggiare lo spazio cambiando piani e punti di vista, mentre, al contrario, la sua storia ha una divisione dei tempi estremamente lenta.
Il lavoro di questo artista è piuttosto notevole, in particolare perché un processo così costruito è raro nel mondo dell’arte outsider. Inoltre, il fumetto è relativamente poco rappresentato nel settore.
Alla fine, Cédric de Tender crea un universo molto personale e molto ricco, sia graficamente che nella forma delle sue storie.

Le immagini che seguono sono frutto di una selezione della sottoscritta. È stata una scelta difficile, dettata da colpi di fulmine e “questa anche… questa no, ne ho già parecchie… invece sì“.
Selezionare è sempre difficile, ma è una scelta obbligata. Ne definisce un ragionamento, un gusto, una strada. Questa è la mia “lettura” di Zone-Art, ma invito a fare anche la vostra andando direttamente sulla loro pagina Flickr.

Cédric Detender, © Zone-Art
Cédric Detender, © Zone-Art
Georges Dohm, © Zone-Art
Georges Dohm, © Zone-Art
Muriel Bailly, © Zone-Art
Muriel Bailly, © Zone-Art
Laurence Halleux, © Zone-Art
Laurence Halleux, © Zone-Art
Noelie Wiertz, © Zone-Art
Cindy Lejeune, © Zone-Art
Cindy Lejeune, © Zone-Art
Marie Steins, © Zone-Art
Marie Steins, © Zone-Art
Dominique Corman, © Zone-Art
Julien Kessen, © Zone-Art
Julien Kessen, © Zone-Art
Bernard Hervé, © Zone-Art
Bernard Hervé, © Zone-Art
Pascal Roussel, © Zone-Art
Pascal Roussel, © Zone-Art
Philippe Goebels, © Zone-Art
Philippe Goebels, © Zone-Art

Thanks to Patrick Perin and Atelier Zone-Art.
Zone-Art – Facebook
Zone-Art – Flickr
Chevalier Surprise – Facebook

Posts created 149

Related Posts

Begin typing your search term above and press enter to search. Press ESC to cancel.

Back To Top